Vino Mateus: tutto quello che hai sempre voluto sapere sul famoso vino rosato

mateus vino

Quando parliamo di vini non stiamo semplicemente parlando di bevande, ma anche e soprattutto di simboli culturali, che le popolazioni di tanti paesi del mondo esibiscono con orgoglio e a cui migliaia di aziende lavorano con impegno e dedizione, spesso coinvolgendo diverse generazioni.

 

Non so se lo sapete, ma il vino Mateus è un vino che esiste da più di mezzo secolo e che è stato apprezzato dalle celebrità più disparate: la regina Elisabetta II, l’iconico musicista Jimi Hendrix, ma anche Sir Elton John, che all’interno del suo brano Social Disease menziona proprio il nome di questo vino.

 

Chi se ne intende di vino, come chi fa acquisti su cantinettavino.it, dovrebbe assolutamente avere nella propria cantinetta questo vino, simbolo del Portogallo. Andiamo quindi a scoprire insieme tutto quello che c’è da sapere su questo particolare vino.

 

Tutti pazzi per il vino Mateus

Il Mateus nasce nel lontano 1942 e la sua produzione su larga scala inizia alla fine della seconda guerra mondiale. La bottiglia che contiene il Mateus ha un design molto particolare: assomiglia infatti alle borracce che venivano utilizzate durante la seconda guerra mondiale. È uno dei vini che gode di maggior popolarità in America e nel Regno Unito. Nonostante la sua popolarità, il prezzo resta accessibile, ben lontano da quello del vino Masseto e ovviamente da quello del vino più costoso al mondo!

 

Questo vino, probabilmente il rosato più famoso al mondo, è il frutto della miscela delle uve Baga, Rufete, Tinta Barroca e Touriga Franca. Il vino viene prodotto senza indicazione di annata ed è realizzato da Sogrape Vinhos, l’azienda che dal 1942 gestisce la produzione di questo prodotto storico. Questa storica azienda ha a disposizione ben 830 ettari di terreno per la coltivazione delle uve e  da decenni assicura ai consumatori un vino dal profilo leggero e rinfrescante, le due caratteristiche che, più di tutte, si associano al vino Mateus.

 

Caratteristiche del Mateus

Come si presenta il Mateus una volta versato nel calice?
Il vino ha una leggerezza cromatica ed una limpidezza impeccabile. Impressionante la varietà di profumi che sprigiona: sentori fruttati e floreali che si legano in un equilibrio perfetto, generando una fragranza irresistibile e inebriante.

 

Non da meno è il gusto , che rimane delicato, fresco e gentilmente sapido, con delle note fruttate molto interessanti. Uno dei motivi per cui il Mateus è un vino estremamente popolare è che gode di un’ottima versatilità in tavola. Si presta bene come aperitivo, coma può fare da accompagnamento a piatti a base di pesce, frutti di mare, carni bianche, grigliate o insalate. 

 

Meno frequente è il suo utilizzo in cucina come ingrediente. Per le vostre scaloppine di pollo, meglio il vino bianco! 

 

Anche l’occhio vuole la sua parte

Un motivo in più per apprezzare il Mateus è legato alla sua estetica: è infatti uno dei vini più belli in assoluto da vedere. Tutti i Mateus in commercio (Mateus Rosé, Mateus Rosé Shiraz e Mateus Rosé Tempranillo, contenenti diversi quantitativi di zuccheri residui) sono caratterizzati da alcuni tra i più bei packaging in circolazione.

 

Se pensiamo al binomio vino-design, non possiamo fare a meno di citare l’incredibile lavoro di branding fatto, nel corso degli anni, per trasformare questo vino in uno dei maggiori successi commerciali degli ultimi decenni.

 

Le confezioni sono state studiate con il fine ultimo di ricreare un accostamento cromatico in grado di fare la differenza, esaltando il colore rosa del vino utilizzando una bottiglia di vetro dalle forme sinuose affascinanti. È proprio questo design ad aver reso il vino universalmente riconoscibile ai giorni nostri, anche dai meno esperti di vino.

 

Il Mateus, oltre ad essere stato amato dalle celebrità e ad essere stato citato in brani musicali, è stato anche la star di alcuni film come Animal House. Ma le sue apparizioni non finiscono qui: Graham Nash l’ha incluso sulla copertina di Wild Tales e il wrestler americano André the Giant, uno dei più grandi protagonisti di questo genere di spettacolo, ha dichiarato di bere ben sei bottiglie di mateus per prepararsi ai suoi incontri sul ring.

Proprio come il vino rosso per gli spagnoli, il Mateus è diventato motivo di orgoglio per il suo paese di origine e una celebrità nel mondo intero, apprezzato dagli appassionati di enologia e da chi, di vino, non è molto esperto.